Per far conoscere Scarichiamoli!, inserisci nella homepage del tuo sito web uno dei banners che trovi qui. Grazie!
N E W S
Creando si vive - 11/03/2012
Intervista al regista, sceneggiatore, produttore cinematografico, scrittore e poeta Silvano Agosti.



Il popolo della rete ha espresso un grande consenso per Scarichiamoli!: per questo motivo abbiamo deciso di dedicare un sito a questa iniziativa.

Per aderire alla nostra campagna e per ricevere informazioni, scrivi a staff at scarichiamoli.org

Buona navigazione sulle acque digitali di Scarichiamoli.org

Scarichiamoli!: domande e risposte.


Qual'è il sito ufficiale di Scarichiamoli!?

www.scarichiamoli.org è il sito ufficiale di Scarichiamoli! ed è l'unico luogo del cyberspazio in cui è possibile avere la certezza di trovare informazioni vere ed aggiornate sulla nostra campagna.


Come posso dare il mio contributo a Scarichiamoli!?

Scarichiamoli! non vende magliette e non chiede donazioni. Non abbiamo bisogno dei tuoi soldi, ma del tuo sostegno. Puoi parlare di Scarichiamoli! sul web e fuori dal web; puoi inserire il nostro banner nella homepage del tuo sito; puoi iscriverti alla nostra mailing list e partecipare attivamente alla discussione pubblica; se sei un'associazione, puoi aderire alla nostra campagna e aiutarci a promuoverla. Per ogni informazione puoi scrivere a staff at scarichiamoli.org


Scarichiamoli.org è un portale per il libero downloading?

No, Scarichiamoli.org non aspira ad essere né un portale per il libero downloading né un contenitore di files da scaricare; si tratta, invece, del sito dell'omonima iniziativa, i cui obiettivi sono indicati, anche attraverso esempi molto chiari, sia nella homepage sia nella sezione "presentazione".


Scarichiamoli! è un disegno di legge?

No, Scarichiamoli! non è un disegno di legge, ma una campagna di sensibilizzazione: è inimmaginabile realizzare i nostri obiettivi, riguardanti argomenti vasti e diversificati, attraverso una sola legge o un solo atto amministrativo, e svolgere attività normativa non è certamente il nostro compito.
- Spetta ai membri del Parlamento, che hanno già dimostrato attenzione per le nostre proposte, intraprendere, nei vari settori, le opportune iniziative: noi possiamo soltanto indicare la strada e fare sentire la nostra voce anche attraverso quello straordinario strumento di comunicazione e socializzazione che è Internet.
- E' facoltà degli utenti, che rappresentano sempre più consistentemente una parte di web attivo, essere concreti esempi di "filosofia open".


Scarichiamoli! è un'iniziativa politicizzata?

No, la nostra è una campagna apolitica ed imparziale: abbiamo applausi e fischi per tutti, e non abbiamo amici in Parlamento. Tuttavia Scarichiamoli! non può ignorare la politica. Noi potremmo non occuparci di politica, ma la politica continuerebbe ad occuparsi di noi: e allora, in nome dei nostri ideali e lontani da qualsivoglia ideologia, abbiamo scelto di non chiudere gli occhi e, se del caso, di puntare il dito e/o di battere il pugno.


Scarichiamoli! auspica la creazione di un portale di Stato dal quale scaricare contenuti di pubblico dominio?

Dopo avere visto il portale Internet Culturale, costato agli italiani 37,3 milioni di euro (7,1 milioni stanziati dal Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione e 30,2 milioni stanziati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali), abbiamo perso ogni certezza riguardo l'utilità della creazione di un portale culturale di Stato (anche perché la selezione dei contenuti potrebbe avvenire sulla base di scelte politiche) e questo argomento, quindi, non compare nel nostro manifesto. Preferiamo che le fonti siano molteplici (sistemi p2p, archivi di privati, associazioni, università, fondazioni... ) ed interoperabili. Scarichiamoli! auspica, invece, l'aumento dei canali attraverso i quali poter scaricare nella piena legalità qualsiasi tipo di contenuto informatico, e riteniamo che l'aumento di canali sicuri possa contribuire ad evitare l'inasprimento delle pene e l'aumento del controllo da parte dell'Autorità.


Scarichiamoli! vorrebbe che ciò che è finanziato con soldi pubblici fosse di pubblico dominio?

No, Scarichiamoli! non riguarda tutto ciò che è finanziato con soldi pubblici, ma soltanto le opere dell'ingegno (opere che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia), finanziate (a fondo perduto) con soldi pubblici; inoltre, Scarichiamoli! non prevede che tali opere siano di pubblico dominio, ma che siano pubblicamente accessibili. Nel linguaggio comune, assai diverso da quello giuridico, l'espressione di dominio pubblico viene utilizzata per indicare un fatto di cui la comunità è a conoscenza: facendo riferimento a questa accezione, potremmo dire che Scarichiamoli! vorrebbe che le opere finanziate (a fondo perduto) con soldi pubblici fossero di dominio pubblico. Tuttavia, al fine di evitare equivoci, preferiamo utilizzare l'espressione pubblicamente accessibili.


Scarichiamoli! è un'iniziativa di Creative Commons Italia?

No, malgrado il vivo interesse per Scarichiamoli! dimostrato, a titolo personale, dagli attuali vertici di Creative Commons Italia, teniamo a precisare che Scarichiamoli! non è mai stata un'iniziativa di Creative Commons Italia. Scarichiamoli! è nata all'interno della comunità italiana di Creative Commons grazie al contributo di alcuni frequentatori della mailing list di iCommons Italy. Nel momento in cui il sito www.creativecommons.it è divenuto il sito ufficiale di Creative Commons Italia, Scarichiamoli!, per continuare ad avere la visibilità che merita, ha deciso di cambiare sede, spostandosi su www.scarichiamoli.org, che nulla ha a che fare con Creative Commons Italia e con la comunità italiana di Creative Commons.


Perché nei vostri banners utilizzate l'immagine di Montecitorio?

L'immagine di Montecitorio (si tratta di una fotografia da noi scattata) rappresenta le Istituzioni. E' soprattutto alle Istituzioni che rivolgiamo la nostra principale richiesta: Scarichiamoli! Scarichiamo i files che contengono opere di pubblico dominio ed opere finanziate (a fondo perduto) con soldi pubblici.
| Valid xhtml strict 1.0 | Valid css